vuoto

In Sardegna il benessere inizia a tavola

Per gran parte della sua storia meta dei popoli navigatori che solcavano il Mediterraneo alla ricerca di opportunità di espansione commerciale, la Sardegna è riuscita nel miracolo di conservare i suoi valori più autentici, pur aprendosi a tradizioni e usi del tutto nuovi.
 
I prodotti sardi conservano oggi i tratti di una terra selvaggia e di una natura incontaminata e dimostrano la dedizione al cibo genuino che conserva intatte tutte le sue proprietà: un piacere per il palato e un toccasana per la salute. 
 
Dai formaggi a latte crudo agli oli extra-vergini d'oliva, dai mieli monoflorali ai pani e dolci tradizionali, i prodotti tipici che caratterizzano il territorio sardo raccontano di un lavoro prezioso e sapiente. 
 
In particolare, alcune delle produzioni più prestigiose, dal carciofo spinoso allo zafferano, dall’olio extravergine di oliva all'agnello sardo, si avvalgono dei riconoscimenti Dop e Igp regionali
 
Raccontano della storia più autentica dell’economia sarda anche i formaggi sardi. Derivati dal latte vaccino, di pecora e di capra, sono considerati alimenti fondamentali nelle diete dei centenari: dalle ricotte, il nutrimento quotidiano dei pastori lontani da casa per lunghi periodi, ai formaggi a denominazione di origine protetta come il pecorino romano, il pecorino sardo e il fiore sardo, o ancora, le specialità come la fresa, il dolce sardo, il bonassai, il gioddu e il casu axedu. 
 
Il percorso alla ricerca del benessere non può, però, prescindere dalla bevanda più antica e conviviale del mondo, il vino: nelle giuste quantità, è comunemente considerato un elisir di lunga vita. Come il Vermentino di Gallura a denominazione di origine controllata e garantita e il Cannonau di Sardegna da vitigno auctoctono. Ecco una guida ai vini prodotti in Sardegna e alle cantine che è possibile visitare.
 
E che dire del pesce, nutrimento simbolo per eccellenza di un’alimentazione sana? La pesca in Sardegna non si pratica solo in mare: le lagune e gli stagni costieri sono tra i più estesi d'Europa e vi si praticano la pesca professionale e l'ittiturismo, all'insegna della sostenibilità. 
 
Dove trovare il meglio dell’essenza produttiva del territorio isolano? Ad esempio, nelle fattorie didattiche: aziende agricole o agrituristiche che ospitano percorsi didattici, con l’obiettivo di riscoprire le produzioni tradizionali e di qualità.
 
Ultima, certo non per importanza, l'esperienza delle aziende agrituristiche: luoghi nei quali l’incontro tra benessere del corpo e della mente ha come scenario un paesaggio magico e incontaminato. 

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
Dal 13.01.2017 al 23.12.2017