vuoto

Zafferano

Fiore di zafferano

 

Il Comune di San Gavino Monreale e’ uno dei punti di riferimento nazionali per la coltivazione dello Zafferano. Fin dai tempi antichi  è un elemento fondamentale nella cucina sarda. Viene utilizzato sia nei dolci come casadinas e pardulas (tortine di pasta ripiene di formaggio pecorino o di ricotta), che nei piatti salati, come la “fregula cun cocciula” (minestra di arselle con una pasta simile al cous-cous).  La zona di produzione dello zafferano D.O.P. comprende il territorio dei Comuni di San Gavino Monreale, Turri e Villanovafranca, situati nella provincia del Medio Campidano.

La raccolta e la lavorazione dello zafferano è molto particolare e costosa: i suoi fiori, dalla brillante tonalità violacea, vengono raccolti al mattino, quando le corolle sono ancora chiuse, successivamente viene effettuata la separazione delle corolle dagli stimmi dal caratteristico colore rosso e fatti essicare per poter essere confezionati in bustine per la vendita. Nella variante selvatica veniva utilizzato come colorante per tessuti, teppeti e anche per alcuni dettagli del costume tradizionale. 

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
Dal 13.01.2017 al 23.12.2017